Il nemico numero 1 della tua farmacia (dopo le aziende farmaceutiche)

Il nemico della tua farmacia

La tua farmacia sta attraversando una profonda crisi di identità e di fatturato, e tu, come tanti altri, ti stai domandando di chi sia la colpa. Sappi che sei in buona compagnia. I problemi delle farmacie di oggi sono molteplici, ma ce n’è uno in particolare che riguarda tutte o quasi. Quello che sto per dirti forse non ti piacerà, ma voglio cercare se non altro di aprirti gli occhi. Il nemico numero 1 della tua farmacia dopo le aziende farmaceutiche potresti essere tu! Perché questa affermazione? Perché oggi, rispetto al passato, il contesto in cui opera la tua farmacia è completamente cambiato. Segui il mio ragionamento con attenzione e vedrai che ho ragione.

L’azienda farmaceutica produce i suoi prodotti e li pubblicizza. Tu, farmacista entusiasta della pubblicità, ti occupi di distribuire questi prodotti al consumatore finale come ultimo anello della catena. Sbagliato! Perché se in passato eri veramente tu l’ultimo e unico anello della catena, oggi non è più così. Devi fare i conti con altri canali di distribuzione, come quelli on-line e la gdo. Certo, non saranno canali altrettanto qualificati, ma devo dirti che sono molto più preparati di te in termini di marketing e comunicazione, competenze che purtroppo mancano alla figura del farmacista.

Il motivo? Semplice: finora non hai mai avuto bisogno di essere esperto di marketing e comunicazione! Le aziende farmaceutiche forti del loro brand sono cresciuti alle tue spalle, sfruttando il tuo ruolo e i tuoi consigli per anni. E adesso? Adesso non ti salvaguardano più, anzi, ti confesso che diverse aziende utilizzano la tua figura come cavallo di troia per lanciare la propria linea di prodotti, ma l’obbiettivo è un’altro: creare un rapporto diretto con il consumatore finale per poi metterti in disparte. In questo caso il farmacista funge da garante nella prima fase, per poi trovarsi a dover combattere a suon di sconti e sperare di spuntare un prezzo adeguato.

Che cosa manca quindi alle farmacie di oggi?

Hai capito perfettamente, alcuni dei motivi che stanno indebolendo la tua farmacia potrebbero dipendere dalla tua impreparazione di ragionare come un imprenditore. Pensaci bene, l’attività che hai in mano e di cui sei titolare non può essere più gestita come la farmacia di una volta; devi ragionare come un business moderno, come una vera e propria impresa! Ti riporto alcuni comportamenti che riconosco spesso nei farmacisti che visito:

  • Mancanza di differenziazione, per cui si offrono solo prodotti di brand noti e di leader di mercato. Il risultato è che il cliente ha l’idea di farmacie tutte uguali e che vendono tutte gli stessi prodotti.
  • Affidamento esclusivo alla pubblicità delle aziende farmaceutiche, non adottando nessuna strategia di marketing interna.
  • Sottovalutazione sistematica dell’impatto del mercato on line che avanza senza sosta.

… E queste sono solo alcune delle cattive abitudini che riscontro nelle farmacie. Ma c’è chi fa anche peggio!

Non resta che cambiare

Come avrai capito se sei arrivato a leggere il mio blog e in particolare questo articolo, ci sono tantissime strategie che puoi cercare di implementare per migliorare la tua farmacia. Non basta seguire un corso di aggiornamento ogni tanto, devi spingerti oltre, anticipare la concorrenza ed evitare sopratutto scelte azzardate come l’abbassamento sistematico dei tuoi prezzi di listino. Da sempre il prezzo è l’ultima arma (ed anche la più banale) a disposizione per fare marketing.

Impara quanto è importante stare al passo con i tempi, cogliendo e sfruttando le nuove modalità di business che il mercato ci riserva. Sei pronto? Mettiti in gioco, perché se è vero che puoi essere il primo responsabile del fallimento della tua farmacia, è altrettanto vero che sei l’unico a poterla salvare e rilanciare in grande stile.

Non aspettare oltre, il momento di passare all’azione è arrivato!

Vendere In Farmacia

Renato Gentile | Prodotti e Servizi per la Farmacia | Marche, Abruzzo e Molise

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *